Recensione della app Motionleap by Lightricks

L’app di cui voglio parlarvi oggi si chiama Motionleap. E’ un programma della software house Lightricks adatto a chi vuole animare le proprie foto, dando un tocco di creatività e divertimento in più. La utilizzo sull’iPad per arricchire i post sui social, ma esiste anche la versione per Android.

Se devo essere sincero al primo approccio l’interfaccia utente non ha incontrato i miei gusti estetici e ancora adesso non mi convince. Devo però riconoscere che alla fine consente di raggiungere rapidamente il proprio scopo. 

Per iniziare occorre prima creare un proprio progetto, scegliendo lo scatto con il quale vogliamo lavorare e poi selezionare una delle opzioni che sono visualizzabili in basso.

In seguito a uno degli ultimi aggiornamenti, la prima icona visibile a sinistra è ora una pubblicità della suite di Lightricks dedicata all’image editing, a disposizione nell’App Store. Ma al di là di questa abbiamo, scorrendo verso destra:

  1. Anima: permette di aggiungere delle zone di fluidità alle immagini, tipo effetto della lava che scorre. Molto utile in particolari occasioni, ma da usare con parsimonia se non vogliamo eccedere e trasformare l’effetto in un pastrocchio.
  2. Elementi: Questa è quella che utilizzo di più. Applica dei piccoli filmati che ritraggono oggetti, luci, animali, ecc…Questi possono essere spostati e ridimensionati (e non solo) a proprio piacimento, e se adeguatamente scelti e posizionati possono incuriosire e attirare l’attenzione senza ombra di dubbio. Purtroppo il numero massimo di elementi che possono essere sovraimpressi è limitato a 5. Altra limitazione è data dalla gamma di scelta a disposizione dell’utente. Sarebbe stato inoltre molto utile poter variare il colore delle animazioni, anche se forse di difficile realizzazione tecnica. 
  3. Sovrapponi: Semplicemente sovrappone un effetto animato (pioggia, neve, nebbia, glitch, ecc…) alla propria immagine. 
  4. Beatloop: la utilizzo molto poco ma serve per applicare una sorta di movimento a ritmo di musica predefinita. In linea teorica si potrebbe anche utilizzare musica proveniente da altri video conservati localmente, ma non ho mai sfruttato realmente questa possibilità.
  5. Effetti: Questa è un raccolta di effetti speciali che incidono sull’elemento o sugli elementi che risaltano maggiormente nella foto. Avete presente l’effetto di dissolvenza in stile “schiocco di dita di Thanos”? Bè si può ottenere qualcosa di vagamente somigliante.
  6. Cielo: Consente di aggiungere una tipologia di cielo in movimento (ce n’è una discreta varietà) sullo sfondo dello scatto. Con un pò di attenzione si possono ottenere video molto interessanti.
  7. Acqua: Anima tutto ciò che concerne l’acqua. Qui, come anche nel caso precedente, oltre a poterci affidare alla capacità di rilevazione automatica di ciò che effettivamente è da animare (es: acqua sì, terreno no) ci viene offerta la possibilità di modificare manualmente l’area sulla quale applicare l’effetto.
  8. Movimento 3D: Applica un movimento 3D alla foto che trovo francamente poco appetibile. Di fatto l’ho sfruttato in un paio si occasioni solamente, combinato con Beatloop.
Menu “Elementi”
Menu “Effetti”
Menu “Esporta”

Terminata la sezione degli effetti abbiamo anche la possibilità di modificare Luminosità, Contrasto, Saturazione e Temperatura.

Infine l’esportazione. Il massimo ottenibile è un file in 4K, ma dico subito che tra le opzioni offerte, uso esclusivamente “Video” mentre ho abbandonato “GIF” che non consente di realizzare degli output di qualità soddisfacente (almeno a mio gusto personale), anche partendo da immagini ricche di dettagli. 

Giudizio

Mi diverto molto a utilizzare questa applicazione. Cercare di usare le opzioni a disposizione in maniera sempre differente è diventato una sorta di sfida. Trovo inoltre che l’abbonamento annuale di circa 20 euro, che è richiesto per poter utilizzare tutte le funzioni, rappresenti un prezzo adeguato. Sarebbe allo stesso tempo auspicabile un incremento del database di oggetti ed effetti a disposizione. Ad ogni modo, in soldoni, ne consiglio l’acquisto.

Lascia un commento