I prossimi iPhone potrebbero essere "made in USA"

Foxcoon potrebbe spostare le linee produttive degli iPhone negli USA.
La notizia non è ancora ufficiale, ma viene riportata dal sito giapponese Nikkei Asian Review. L’ipotesi prospettata è quella di un prodotto completamente ‘‘made in USA“, mentre attualmente è assemblato in Cina.
Le trattative tra Apple e i partner per la produzione, per trasferire l’intera filiera produttiva in America, sarebbero iniziate a giugno:

Apple ha chiesto a giugno a Foxconn e Pegatron, i due assemblatori di iPhone, di valutare la produzione di iPhone negli Stati Uniti. Foxconn ha ottemperato, Pegatron ha rifiutato di preparare tale piano per problemi di costo.

E’ probabile che la scelta di spostare la produzione in America sia legata alle dichiarazioni che l’attuale Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump: “riusciremo a far produrre ad Apple i suoi dannati computer in questa nazione, e non in altri paesi”. Trump aveva prospettato l’applicazione di una tassa di importazione salata per i prodotti provenienti dalla Cina.
Apple ha sempre difeso la scelta di concentrare la produzione in Asia per l’abilità maturata dalle aziende coinvolte. Inoltre non c’è solo da considerare l’assemblaggio vero e proprio del telefono, ma anche il trasporto dei vari componenti hardware provenienti da diversi fornitori: i processori da TSMC, il display da Sharp e da SK Hynix e le memorie da Toshiba.
Secondo le valutazioni di fonti autorevoli del settore, contattate da Nikkei:

Per realizzare gli iPhone, sarebbe necessario un cluster di fornitori nello stesso luogo, che gli Stati Uniti non hanno al momento

La produzione degli iPhone negli States non si tradurrebbe in un vantaggio per l’utente finale, ovvero in una maggiore qualità del prodotto, al contrario, i maggiori costi di fornitura della componentistica potrebbero incidere sui margini di profitto di Apple e sul prezzo finale dei terminali.
Si tratta di un quadro in evoluzione e di indiscrezioni che non sono confermate da fonti ufficiali.



Lascia un commento