Apple & Amazon, quando il business va al di là della competizione

Forse solo pochi di voi sanno che Amazon ed Apple sono una “dipendente dall’altro”. Eh si, perché le due aziende non sono solo due competitor nel settore dell’elettronica ma sono anche rispettivamente fornitore-cliente.

Nonostante il colosso di Cupertino disponga di importanti infrastrutture, per far fronte alla mole di utenti che usufruiscono dei servizi iCloud e non, Apple è costretta ad appoggiarsi ad un servizio esterno di cloud computing. E quale miglior erogatore se non Amazon AWS? La piattaforma di Bezos ha proprio Apple come miglior cliente.

Apple versa mensilmente una quota di ben 30 milioni nelle casse di AWS per garantire tutti quei servizi online come App Store, iCloud, Apple Pay ecc. Questo lo rende il Cliente numero uno di Amazon.

I dispositivi Apple sono usati ogni mese da più di 1 miliardo di persone ed ora con l’arrivo anche nei nuovi servizi come AppleTV+ e News Plus, l’azienda di Cupertino avrà bisogno di ulteriori nuove risorse. A Dicembre 2018, Apple ha stanziato per il 2019 un investimento di circa 4,5 miliardi di dollari che si aggiungono ai 10 miliardi già pianificati a inizio 2018 per costruire nuovi data center nel corso dei prossimi anni.

Nonostante gli sforzi messi in atto, Apple è dovuta ricorrere a dei servizi terzi, AWS in questo caso, per garantire continuità dei suoi servizi, sicurezza e qualità. In passato quando ci fu la medesima esigenza, la scelta ricadde su Alphabet e Microsoft.

Lascia un commento