Recensione Huawei Freebuds 4i

La democratizzazione dell’ ANC

Nuovo anno, nuove ottime TWS Huawei entry level. Se nel 2020 avevamo potuto apprezzare le ottime Freebuds 3i, ora abbiamo a disposizione la nuova versione delle stesse, ovvero le Freebuds 4i, che si distinguono dalla massa delle cuffiette true wireless per una serie di caratteristiche premium che andremo ad analizzare nella nostra recensione.

Confezione Huawei Freebuds 4i

All’interno del classico piccolo cartonato bianco Huawei troviamo le cuffiette già riposte nella loro custodia di ricarica e un cavo di ricarica di tipo C, oltre a due set di gommini di scorta.

Costruzione e confort

Ecco il primo grande punto a favore delle Freebuds 4i. La comodità.

Raramente abbiamo indossato cuffie in ear così comode e leggere, sembra quasi di non averle alle orecchie.

Infatti pesano solo 5.5 grammi cadauna ed hanno un piccolo ma potente driver di soli 10 mm. Il loro design è molto lineare e pulito, e sono dotate di comandi touch personalizzabili.

Ma non sono solo piccole le cuffie, poiché il case di ricarica è altrettanto compatto e leggero, e con i suoi 36 grammi di peso ed una forma ovale ed ergonomica risulta sempre trasportabile anche in piccole tasche dei jeans per esempio.

Il case di ricarica ha nel suo lato inferiore la presa di ricarica Usb Type C, sul lato destro il tasto per il paring, mentre nel lato frontale troviamo il led multifunzione e la scritta Huawei in bella mostra.

Freebuds 4i sono costruite in plastica lucida di buona qualità.

Comode e funzionali, sia gli auricolari che il case, tutti gli elementi che costituiscono Freebuds 4i sono studiati per una estrema portabilità e per minimizzare gli ingombri, cosa molto gradita soprattutto in previsione della bella stagione.

Funzionalità Huawei Freebuds 4i

Freebuds 4i sfruttano la tecnologia Bluetooth 5.2, ed il loro paring è semplice e rapido. Vengono rilevate dal dispositivo ( Android ) al momento dell’apertura del case e si accoppiano tenendo premuto per qualche istante il tasto laterale. Sui dispositivi iOS invece è sufficiente effettuare il paring attraverso apposito menù bluetooth presente nei dispositivi.

Sugli auricolari sono presenti vari sensori, tra cui uno ( comodissimo ) che rileva quando sono indossate. Sono dotati di microfono posizionati in modo da ridurre al minimo eventuali fruscii, ed hanno comandi touch perfettamente funzionali su ambedue gli auricolari così configurati :

  • Doppio tap on e off delle telefonate o play e pausa della riproduzione multimediale;
  • Tap prolungato : on e off ANC on e off della modalità Aware

Attraverso la applicazione AI Life, scaricabile preferibilmente da AppGallery, possiamo invece personalizzare i comandi touch stessi a nostro piacimento, effettuare gli aggiornamenti OTA al firmware degli auricolari, attivare e disattivare la cancellazione attiva del rumore o la modalità Aware ed infine verificare il livello di ricarica dei singoli elementi, oltre che del case.

Qualità audio Huawei Freebuds 4i

Freedubs 4i si difendono molto bene sia in riproduzione multimediale che, cosa non scontata, nelle funzioni telefoniche.

Il volume di ascolto è potente e pulito, enfatizzato verso i bassi rispetto ai medi e alti, ma comunque adatto ad ogni tipologia musicale. Non eccelso, ma pienamente in linea con la fascia di mercato nella quale si pongono, anzi oserei affermare che vanno oltre le 89 Euro richieste per possederle.

In chiamata Freebuds 4i sono forse ancora migliori, poiché grazie ai microfoni ben posizionati che lavorano in sinergia con i grandi driver abbiamo un audio pulito e privo di fruscii, riuscendo ad interloquire anche in presenza di rumori di fondo.

Presente la cancellazione attiva del rumore ANC, che svolge il suo lavoro bene in ambienti dove i rumori sono omogenei, mentre fatica leggermente in situazioni particolarmente caotiche, dove lo spettro audio è interamente occupato. Consigliamo per una cancellazione attiva del rumore più performante di utilizzare i gommini più adatti alla dimensione del nostro orecchio ( ve ne sono 3 in dotazione di diverse misure ) poiché la sinergia tra attivo e passivo ( in ear ) migliora sensibilmente la qualià.

La modalità Aware, invece, lavora praticamente al contrario della ANC, enfatizzando i rumori esterni rispetto all’isolamento degli auricolari, in situazioni per esempio dove risulta pericoloso non percepire audio che ci circonda ( in strada per esempio )

Per concludere promuoviamo la qualità generale dell’audio di queste Freebuds 4i che, seppur non eccellendo, svolgono molto bene ogni funzionalità richiesta e presente, con audio buono in ascolto e soprattutto ben sincronizzato ( vitale per i contenuti come i video ), e con microfoni di qualità.

Autonomia Huawei Freebuds 4i

Arriviamo al secondo grande punto a favore di Freebuds 4i, ovvero l’autonomia di esercizio e le tempistiche di ricarica.

La batteria integrata passa dai 37 mAh delle precedenti ai 55 mAh attuali, migliorandone sensibilmente le già ottime prestazioni.

L’autonomia con una singola ricarica è di 10 ore continuative, che scendono a 7 se si utilizza costantemente l’ANC.

Il case di ricarica ci consente di effettuare due cicli completi, consentendoci un utilizzo senza affanni nell’arco di un’intera giornata.

Inoltre la ricarica rapida ci consente in circa 15 minuti di avere più di 4 ore di autonomia aggiuntiva, e questo grazie alla porta veloce di Tipo C.

Il risultato di autonomia di Freebuds 4i, se rapportato alle dimensioni compatte, è davvero eccellente.

Considerazioni finali Huawei Freebuds 4i

Huawei Freebuds 4i, con il loro prezzo di Euro 89, sono da consigliare senza esitazioni a tutti coloro che necessitano di un prodotto valido in ambito multimediale ed in chiamata, cosa non scontata purtroppo negli auricolari true wireless, comodi sia da indossare che da trasportare, con un’ottima autonomia e con funzionalità evolute.

Il tutto con la garanzia di avere un colosso come Huawei alle spalle, che costantemente migliora le prestazioni ed implementa funzionalità attraverso aggiornamenti OTA.

Non eccellono, per utenti più esigenti vi sono le spettacolari Freebuds Pro, che sono al momento i migliori true wireless sul mercato, ma svolgono tutto in modo egregio.

Il tutto ad un prezzo abbordabile.

PRO

  • Dimensioni
  • ANC e Aware
  • Autonomia
  • Microfono in chiamata voce
  • Prezzo
  • Sicuri aggiornamenti sw

CONTRO

  • Plastiche lucide ( ma è soggettivo )
Lascia un commento