Un eBook reader visto da una assidua lettrice di libri

Nel corso degli anni ho maturato una sincera ammirazione per tutti quelli che decidono di non perdere l’ottima abitudine di leggersi un bel libro nel tempo libero. Complici il poco tempo e una innaturale pigrizia che ormai mi contraddistingue, ho infatti via via perso questa piacevole consuetudine.

Per fortuna mia moglie no. Anzi, è una lettrice assidua di svariati generi letterari ed è per questo che, assecondando anche una sua richiesta, le ho regalato lo scorso mese di Settembre il Kindle Paperwhite di Amazon (la settima generazione) nella variante solo WiFi con pubblicità a 129,99 euro. Le ho quindi proposto di scrivere la sua opinione non solo sul dispositivo in questione (che nel frattempo ha subito una ulteriore evoluzione) ma più in generale sugli eBook, condividendo la sua esperienza da non appassionata di tecnologia.

Per dovere di cronaca, prima di darle “ la parola” ecco le specifiche tecniche di questo prodotto che condivide alcune importanti caratteristiche con l’attuale modello in vendita su Amazon come risoluzione dello schermo, processore e batteria:

  • Schermo da 6 pollici e-paper con luce integrata e con risoluzione pari a 300 PPI
  • Dimensioni pari a 169 mm x 117 mm x 9.1 mm e peso di 205 grammi per la versione con WiFi e 217 grammi per quella con 3G
  • Processore da 1 GHz512 MB di RAM
  • Spazio di archiviazione interno pari a 4 GB
  • Formati riconosciuti: AZW/AZW3, TXT, PDF, MOBI, PRC, HTML, DOC, DOCX, JPEG, GIF, PNG e BMP
  • Connessione Wi-Fi 802.11n a 2.4GHz nel modello base o con aggiunta del 3G nel modello più completo
  • Batteria da 1500 mAh
  • Ingresso microUSB

 

La premessa di tutti quelli che si accingono a recensire un qualsiasi dispositivo per la lettura che non sia cartaceo è sempre la stessa: la carta è meglio!

Anche io faccio parte di questo gruppo: adoro ancora scrivere con carta e penna (molte penne!), ancora mi reco in edicola ad acquistare il quotidiano (meglio ancora se c’è l’inserto) e adoro i libri!!! Adoro il libro in quanto oggetto che puoi toccare, annusare e ammirare. Ma a una lettrice abbastanza assidua , come me, prima o poi sorgono dei piccoli problemi: i libri costano, ingombrano e possono essere deludenti. Più volte, quindi, ho pensato di acquistare un Kindle. Avevo già fatto esperienza con la lettura in digitale scaricando e leggendo un paio di libri sul mio iPad mini, ma il problema di quest’ultimo era la retro illuminazione che faceva risultare il tutto troppo stancante!

Mio marito ha risolto ogni mio dubbio o incertezza regalandomi un Kindle Paperwhite per il mio compleanno 🙂 

E’ un oggetto esteticamente molto carino, su mio suggerimento, lo ha preso bianco e io l’ho corredato con una super femminile custodia gold pink!

Le sue dimensioni sono perfette per poterlo trasportare ovunque anche se si hanno delle borse non proprio capienti. Ciò permette di poter leggere dappertutto e tutto ciò che avete scaricato nella vostra libreria. Provate a portare con voi Guerra e Pace o un Signore degli Anelli e poi chiedete alla vostra schiena! 

Cosa si può scaricare? Tantissimi volumi ad un ottimo prezzo. Si possono acquistare i libri direttamente dal Kindle o da ogni altro dispositivo con cui si possa accedere ad Amazon. La disponibilità dei titoli è enorme e i classici, sia in italiano che in lingua originale, hanno un prezzo accessibile, da pochi centesimi a 3/4 euro o addirittura gratuiti. C’è persino la possibilità del prestito, che però è legata al tipo di abbonamento sottoscritto.

Il download, controllabile in tempo reale, è velocissimo. Il testo è a disposizione per la lettura, a volte, anche prima che trascorra un minuto dall’acquisto. Inoltre, nella versione con offerte (quella che costa meno perchè la pubblicità non viene rimossa), sono mostrati dei suggerimenti circa gli acquisti da poter concludere, legati a grandi linee con la propria libreria.

Una volta in possesso del libro possiamo iniziare a modificarne il layout a nostro piacimento: possiamo impostare la grandezza del carattere, il font, i margini e l’illuminazione. Tutte caratteristiche essenziali per chi, come me, ha anche problemi alla vista. Molto spesso, in libreria, ho rinunciato all’acquisto di un testo poiché aveva caratteri troppo piccoli e con il Kindle il problema è risolto! Certo, uno svantaggio, che definirei naturale, è che per questo tipo di dispositivo la resa delle immagini non è paragonabile alla controparte cartacea.

Quante volte non ho potuto leggere di notte perché avrei potuto disturbare marito o figlio con la luce dell’abat-jour ? (Inutile anche la soluzione con le lucine per i libri: piccole, scomode e in qualche caso fastidiose.) Anche questo problema è risolto. Mi soffermo sull’aspetto dell’ illuminazione  che ritengo determinante. L’occhio, leggendo su schermi del PC o sui tablets, si stanca enormemente, con l’illuminazione del Kindle no. Come ho detto in precedenza, si può regolare la luce a proprio piacere adeguandola manualmente ad ogni situazione: ambienti esterni, luci artificiali o buio. Oggi ho letto due ore e mezza e i miei occhi miopi non ne hanno affatto risentito.

Altre funzioni che si possono attivare a piacimento: orologio, la percentuale del testo che si è letto, il tempo di lettura che rimane per terminare il capitolo. Tutto ciò molto utile per chi ha del tempo limitato per leggere a causa di appuntamenti, scadenze ecc ecc e si chiede: ce la farò a finire il capitolo in tempo? Non avendo il libro fisicamente in mano non hai la percezione reale di quante pagine hai letto o quante ne mancano e la percentuale, di cui sopra, risolve anche questo inconveniente.

Con un touch puoi, costantemente, accedere al menù, cambiare le impostazioni (barra in alto) e avere info ulteriori sul capitolo e sulla tua posizione rispetto a tutto il testo (barra in basso).

Finito di leggere c’è la possibilità di sfruttare un “segnalibro”  digitale (lo si può attivare anche chiudendo il Kindle tramite la custodia, ma almeno secondo la mia esperienza non è sicuro che poi, riaprendo, si ritorni esattamente al punto di interruzione).

Per quanto riguarda le opzioni sul testo scaricando i dizionari, gratuiti e in quasi tutte le lingue, si ha la possibilità di conoscere il significato delle parole semplicemente cliccandoci sopra. Molto utile!

Di tanto in tanto si potranno trovare delle frasi sottolineate e il numero di lettori che hanno, in precedenza, evidenziato quel passaggio. (Aspetto “social” del Kindle. Infatti è possibile anche condividere i contenuti su Facebook, Twitter e via e-mail).

Tutto il dispositivo è facile ed intuitivo nell’uso, unica pecca che ho riscontrato a livello tecnico è che lo scorrimento manuale delle pagine è molto lento, così come tutto l’aspetto del “touch” (sia quando si apre la custodia e si deve far scorrere il dito per accedere e bisogna far pressione, sia quando, leggendo, si vuole visualizzare il menù, anche in questo caso bisogna fare più pressione del normale). Ottima l’autonomia che a me consente di andare avanti 2-3 settimane tra una ricarica e l’altra.

In conclusione il Kindle (e direi, più in generale, qualsiasi buon eBook reader) è un dispositivo che ogni lettore dovrebbe possedere. Hai la tua libreria sempre a portata di mano risolvendo il gravoso problema dello spazio e anche dell’aspetto economico. Molti testi sono molto meno dispendiosi rispetto a quelli cartacei e quindi potrete finalmente acquistare anche ciò che sembrava eccessivamente costoso o sui cui avevate semplicemente dei dubbi!

Ultima novità molto interessante è l’opportunità di poter collegare il Kindle con qualsiasi prodotto che integra “Alexa” (i vari Echo ad esempio). Questa può leggere per voi i testi che avete in libreria. Per ora la lettura in italiano risulta ancora troppo robotica, ma in inglese, seppure sia un pochino veloce, è molto gradevole.

Bene, non smetterò mai di acquistare libri in libreria, di leggerli, annusarli, e collezionarli, ma sul mio comodino e in borsa il Kindle non mancherà mai!

Lascia un commento