Breccia nella sicurezza di Facebook: 50 milioni di utenti potenzialmente esposti

Breccia nella sicurezza di Facebook. Circa 50 milioni di accounts sarebbero stati esposti a causa di un attacco giunto da una fonte ancora da identificare.

La scoperta risale allo scorso martedì, ma la notizia è stata diffusa solamente ieri, come riportato dalla BBC. Le indagini sono ovviamente ancora in corso e non è stata resa nota l’appartenenza geografica degli utenti che avrebbero rischiato di vedere il proprio profilo utilizzato da malintenzionati, o le informazioni di carattere personale sottratte senza essersene accorti.

Gli interessati da questa breccia digitale, hanno dovuto / dovranno effettuare il re-login senza necessità di modificare la password di ingresso, almeno fino ad ora. Altri 40 milioni di accounts, inoltre, sono stati resettati come precauzione. Ma cosa ha permesso questa potenziale violazione della privacy? A quanto pare chi ha portato avanti questo attacco ha sfruttato una serie di bug che affliggevano il sottomenù “Visualizza come” tramite il quale è possibile controllare come appare il proprio profilo agli occhi degli altri utenti. La falla creatasi avrebbe consentito la sottrazione dei Token di accesso che normalmente evitano l’obbligo di re-inserire la password, quando effettuiamo il login.

Ho specificato che i bug “affliggevano” il sottomenù in quanto sembra che il problema sia ora risolto, tuttavia la cattiva luce proiettata su Facebook non fa altro che ostacolare le rassicurazioni di Mark Zuckerberg che l’azienda sia perfettamente in grado di proteggere i dati dei propri utenti.

 

Lascia un commento