iPad Pro 9.7: la recensione dopo 2 mesi

Cari amici di batista70 oggi sul banco di prova abbiamo l’iPad pro di Apple nella versione da 9.7 pollici, versione praticamente identica a quella da 12 pollici ma con schermo più piccolo.

Innanzitutto tengo a precisare che dopo aver visto e letto vari commenti in rete, ho notato come questo prodotto che reputo un gioiello creato dalla casa di Cupertino, sia stato snobbato al pari di un inutile “update” dell’iPad air 2, che rimane senza dubbio un ottimo prodotto ma il Pro ha dalla sua alcuni miglioramenti semplici ma essenziali a cui non si può non dar peso.

img_0787

Cominciamo dal design, su questo fronte nessuna novità, è ripreso dal suo fratello minore, le cornici, lo spessore ed il peso ricordano in tutto il prodotto Apple precedente. Il sensore d’impronta “quasi” sempre preciso è una gran bella comodità ma oramai ci siamo abituati.

img_0900

Nella confezione di vendita nessuna novità, carica batteria, manuali e cavo dati.

Arriviamo al display e qui incontriamo già la prima novità; a differenza dei modelli precedenti è stato implementato un sensore di luminosità ambientale a più spettri, questo unito alla funzionalità True tone, rende lo schermo una gioia per gli occhi. La funzionalità true tone cambia il colore di sfondo e la luminosità in modo da non affaticare la vista. Personalmente oltre ad apprezzare molto questa caratteristica (usando il tablet per oltre 8 ore al giorno) oggettivamente è una features essenziale secondo me su un tablet per vocazione professionale come questo ma a mio parere dovrebbe essere implementato su tutti i dispositivi mobili e fissi.

img_0791

Il display è un Oxide TFT ad aggiornamento variabile con foto allineamento come sugli iMac 5K. Il pannello ha una diagonale da 9.7″ con risoluzione di 2048×1536 Pixel ed una densità di 264ppi, perfetto sotto la luce del sole con un’ottima resa cromatica ed un touch estremamente preciso e sensibilissimo. L’angolo di visione è perfetto ed essendo il display  più luminoso e meno riflettente di Air 2, entra di diritto nell’olimpo dei migliori pannelli mai visti su un dispositivo mobile.

La seconda grande novità è rappresentata dall’audio. Posso affermare senza ombra di dubbio che è uno dei migliori, se non proprio il migliore,impianto montato su un tablet, questo grazie ai quattro speaker due superiori e due inferiori che suddividono il suono quasi a simulare un dolby surround. Provare per credere….la prima volta che farete partire un video o una canzone o un qualsiasi file audio vi renderete conto che ciò che avete udito fino ad oggi è “zero” paragonato al suono potente, caldo ed avvolgente dell’IPad pro.

img_0903

Il cuore pulsante che muove tutto è il nuovo processore Apple A9X, un dual core a 64bit da 2.2GHz con coprocessore di movimento M9, affiancato da una GPU Power VR che offre prestazioni raddoppiate rispetto ad Air 2 e lo potete notare nella velocità di editing video o il rendering. A differenza del modello da 12.9 pollici, su questo iPad PRO troviamo “solo” 2GB di memoria RAM.

A corredo dell’ottimo hardware troviamo poi due microfoni( uno sul retro) e una fotocamera da 12 mpx finalmente con  flash led che produce foto interessanti (quasi al pari di iphone 6s) e una fotocamera frontale da 5 mpx per videoconferenze o simili con qualità anche lì oltre la soglia a cui si è abituati. Anche in questo comparto finalmente un tablet che non delude anzi; di certo non si compra un tablet per fare foto,ma vi assicuro che l’IPad pro né produce di ottime.

img_0902

A completamento della sensorietica non potevano mancare giroscopio, accelerometro e barometro. La batteria integrata è da 7,306 mAh che assicura un utilizzo medio di 10 ore di autonomia.

Ma adesso passiamo a comprendere la vera vocazione di questo tablet, che apprezzerete maggiormente utilizzando due periferiche studiate appositamente, la Apple pencil e la sua keyboard.

img_0789

Se della tastiera esistono varie alternative valide e magari anche meglio studiate (prima su tutte la logitech create dotata di retroilluminazione) dall’altra non esistono alternative ma Apple ha fatto davvero del suo meglio; parlo dell’Apple pencil.

img_0796

Il prezzo è alto non lo nego, ma come tutti i prodotti Apple tra l’altro, ma la qualità e le features prodotto valgono il prezzo speso. Cominciando dal l’assemblaggio perfetto, con materiali robusti e nello stesso tempi ammirevoli di sguardi, la Apple Pencil ha solo un difetto; va ricaricata…ho sempre ritenuto questo un limite per gli accessori. Se da un lato la batteria assicura un uso più prolungato e duraturo dall’altro lo trovo un concetto non più “Smart” all’alba del 2016. In ogni caso se rimanete a secco di batteria sull’Apple pencil niente paura…attaccandola alla lightning del vostro IPad potete ricaricarla per 15 secondi che vi assicureranno ben e dico ben 30 minuti di utilizzo.

img_0801

Su questo un plauso ad Apple. Ma alla fine come si comporta questo accessorio? Beh senza nessun dubbio ci troviamo di fronte al miglior prodotto della sua categoria; preciso senza lago senza nessun rallentamento mai e dico mai. È bellissima la sensazione di poter scrivere o disegnare e finalmente la tanto millantata sensazione “umana” degli altri produttori sempre disattesa qui trova la sua incarnazione perfetta. Anche qui vi invito a provarla e capirete di cosa sto parlando; credetemi a parole è difficile scriverlo ma quando l’avrete fra le vostre mani farà la differenza; a patto ovviamente che abbiate un utilizzo valido altrimenti rimane un oggetto costoso e poco utile. Tra l’altro da Apple non hanno studiato un involucro per portarla in giro e rischiare di perdere un accessorio di questo costo sarebbe un peccato sopratutto perché non hanno pensato o studiato neanche un “allarme” o un suono che avvisi l’utente del suo smarrimento.(basterebbe un avviso su iPad o Apple Watch o iPhone o via dicendo)

img_0792

in conclusione, sarebbe riduttivo pensare ad iPad Pro come un tablet progettato solo per un uso business o lavorativo. Le features implementate , video e audio, sono una prerogativa per qualsiasi tablet non solo in ambito produttivo. Ecco perché mi sento di consigliare questo prodotto a tutti, ognuno poi lo renderà suo, con il proprio utilizzo. Ma avere a disposizione una macchina che possa soddisfare diversi tipi di esigenza vuol dire aver progettato un prodotto completo e all’avanguardia. Completarlo con la Apple Pencil sarebbe un dovere per qualsiasi utente che ne possa sfruttare almeno in parte le sue funzionalità ma in caso contrario non rimarrete con l’amaro in bocca; avrete sempre un mostro di potenza e multimedialità perfetta per fruire di qualsiasi contenuto. Questo è il vero tablet di Apple.

Lascia un commento