Come attivare la verifica in due passaggi su WhatsApp? Panda Security ci mostra come farlo

La verifica a due fattori di WhatsApp (già disponibile da un po’ di tempo) è una funzionalità aggiuntiva che migliora notevolmente il livello di protezione dell’app e dei dati che gli utenti condividono. Panda Security suggerisce l’attivazione di questo protocollo per aumentare la protezione dell’app e consiglia, in alcuni semplici passaggi, come impostarla.

La verifica in due passaggi serve per impedire l’accesso illecito all’account da parte di altre persone. Se, ad esempio, un cybercriminale dovesse riuscire a trovare le credenziali di uno specifico utente, potrebbe installare WhatsApp con il suo numero di telefono su un nuovo dispositivo e scaricare tutte le conversazioni private, comprese foto e dati personali. 

Per evitare questo tipo di incidenti, la verifica in due passaggi richiede l’inserimento di un altro PIN ogni volta che si prova ad accedere a WhatsApp da una nuova postazione.

In generale, questo è il metodo più efficace per proteggere gli account online. In pratica, un cybercriminale dovrebbe riuscire a recuperare entrambi i fattori di autenticazione per hackerare un account, cosa molto difficile soprattutto se oltre ad una buona password associamo un metodo di autenticazione biometrico come le impronte digitali o il riconoscimento facciale.

Come attivare la verifica in due passaggi su WhatsApp

La verifica in 2 passaggi di WhatsApp è una barriera di protezione digitale molto potente e Panda Security consiglia vivamente di attivarla (o lasciarla attiva). Ecco alcuni semplici step per attivarla:

  1. Aprire WhatsApp e toccare il menu con tre puntini in alto a destra.
  2. Andare su Impostazioni > Account > Verifica in due passaggi.
  3. Seguire i passaggi per impostare il PIN che bisognerà inserire quando si accede a WhatsApp da un nuovo dispositivo.
  4. Inserire un indirizzo e-mail per il ripristino, da utilizzare se si dovesse dimenticare il Pin per resettarlo.
  5. Ora, la verifica in 2 passaggi di WhatsApp è attiva.

Qualora si volesse disattivare la verifica a due passaggi, è possibile tornare in questo menu per modificare il PIN o l’indirizzo e-mail per il ripristino dell’accesso.

Sicurezza delle app di messaggistica

Le app di messaggistica istantanea come appunto WhatsApp, oppure Telegram, Signal o Discord sono assolutamente sicure. Queste app utilizzano la crittografia end-to-end, un processo di cifratura dei dati trasmessi che li rende illeggibili a chiunque tranne al mittente e al destinatario: i dati transitano attraverso la rete dell’app ma sono cifrati tramite una coppia di chiavi di crittografia che posseggono appunti solo gli utenti in contatto. In pratica, neanche i server di WhatsApp possono “leggere” queste conversazioni.

Diverso è il tema della sicurezza fisica del dispositivo su cui si utilizza WhatsApp, ad esempio se si perde il telefono o lo si lascia semplicemente incustodito, Panda Security consiglia di proteggere ulteriormente le app di messaggistica con l’autenticazione multifattoriale.

Per quanto riguarda gli accessi illeciti da parte di cybercriminali, se si è attivato la verifica in due passaggi è davvero molto improbabile che un hacker riesca a recuperare entrambi i dati di accesso per i due step della verifica. Di fatto, questo livello di sicurezza è la base di una buona strategia di cybersicurezza. 

Per questo motivo, Panda Security invita gli utenti ad attivare la verifica a due fattori anche su altre app e servizi online che ne dispongono. Infine, è auspicabile sempre installare un antivirus leggero e performante per Android per proteggere i dispositivi su cui è installato WhatsApp.

Lascia un commento