Ma che musica ascolti?

Sì è vero, non si vive di solo video e la mia passione per il suono e per la musica è nata diversi anni or sono. Ma la mania di avere un buono, anzi un ottimo auricolare che possa sopperire alla mancanza casalinga di una cuffia dalle ottime prestazioni, mi è nata da qualche anno e ho cominciato quindi la spasmodica ricerca nell’immenso mare che il mercato offre.

Parto dal presupposto che non sono un tecnico ne un purista quindi non me ne voglia chi giustamente ambisce o ha in casa un impianto tale da fruire  dei suoni e della musica per quello che sono state concepite. In quest’articolo condivido con voi l’esperienza e le impressioni che un utente medio potrebbe avere sentendo musica magari del suo iphone o del suo cell con degli auricolari diversi e si spera migliori di quelli standard in dotazione, questo per evitare fregature o delusioni che lascerebbero l’amaro in bocca.

Parto quindi dalla fascia mid range:

Marshall minor: prezzo 45 eur

 

1753_5add95dbc8-original1

Gli auricolari proposti dalla nota e conosciuta casa americana famosa per amplificatori professionali e strumentazione musicale, offrono senza dubbia un’ottima qualità costruttiva a tal punto da essere considerati ben più costosi una volta provati ed estratti dalla loro confezione di cartone, materiale cosi’ in voga in questi ultimi anni, ma soprattutto godono di una perfetta ergonomia per chi cerca un auricolare non in ear ,difatti lasciano il padiglione aperto e non “tappato” ed isolato. L’uscita audio complice gli ottimi speaker presenti gode di un’ottima potenza e il suono specialmente nelle note più alte è pulito e caldo. Nei momenti di ascolto più complessi si nota invece un impastamento dei suoni un po fastidioso ,i bassi non sono così profondi come ci si aspetterebbe da un prodotto con vocazione “rock” come i Marshall. Ma il suono così caldo e corposo e forte non è comune ad auricolari di questa fascia di prezzo che uniti alla comodità e alla costruzione superiore me li hanno fatti preferire a tanti altri.

81lk8o3sddL._SL1500_

Concludendo posso affermare che i Marshall Minor sono degli ottimi auricolari costruiti benissimo, comodi e con un design aggressivo e che ricorda lo stile e le strumentazioni della casa produttrice. Il suono molto alto che riproducono non è sempre perfetto ma avvolge con un potenza ed un calore molto gradevole ed appagante.

Bose MIE2i: prezzo 99 euro

11871483473_28a57078c0_o

Bose ha sempre proposto un’ampia gamma di auricolari e cuffie sin dalla notte dei tempi, è chiaro quindi che parte della cifra richiesta per l’acquisto vada a coprire il blasone famoso che portano questi auricolari ma non c’è solo fumo in questo ma anche un ottimo articolo. Gli auricolari Bose sono comodi, leggeri e disponibili per qualsiasi attività dallo sport al tempo libero. Sentitevi tranquilli di scegliere quello che più risponda alla vostre esigenze perché poi al lato pratico il suono finale che ne uscirà è sempre quasi identico a quello degli auricolari standard di cui appunto vi parlo. Costruzione buona ma non ottima in quanto la sottigliezza dei cavi che portano il segnale all’auricolare è veramente inquietante a tal punto da pensare che possano tagliarsi o lacerarsi  in poco tempo. Se da un lato ne beneficia la leggerezza e la portabilità dall’altro sembra di trovarsi di fronte ad auricolari non così pregiati come il prezzo richiesto farebbe pensare.

mie2i_181503082873

Ma arriviamo al suono in uscita, su quello non ci si può lamentare , l’audio riprodotto è sempre ben bilanciato mai eccessivo e i bassi e gli alti sono calibrati bene con una qualità del suono cristallino e pulito. Ottimi quindi per qualsiasi tipo di musica oltre ad essere belli esteticamente e non pacchiani anche se come sottolineato troppo fragili e semplici. All’interno della confezione troverete un comodo foderino impermeabile a corredo che è sempre un regalo gradito, molto utile per portarli in giro senza rovinarli. In conclusione degli ottimi auricolari medi.

Shure se215: prezzo 125 euro

Amazon_SE215-K_img10_lg

Shure è da sempre sinonimo di auricolari di qualità eccelsa dedicata ai professionisti ed ai musicisti. Propone una gamma che va dai 100 euro fino ad oltre 1000 euro ma noi prendiamo in esame oggi il modello “base” se così vogliamo dire, il se215.

Partendo dal presupposto che chiunque si avvicini a questi auricolari per la prima volta troverà non poche difficoltà ad indossarli infatti sono auricolari da “concerto” quindi vanno indossati in un certo modo ben spiegato nelle istruzioni ma credetemi non semplice, oltretutto anche se li usate spesso non ci vi abituerete facilmente e non saprete mai se il verso il cui li avete indossati è quello corretto. Una volta indossati però rilassatevi e godetevi il suono che vi viene proposto.

de2e2ae1_IMAG0234

Ci troviamo di fronte ad un auricolare con un suono perfetto potente e cristallino in ogni circostanza con bassi pieni e alti perfetti senza distorcere mai,senza tradire mai,insomma perfezione allo stato puro. Anche se la maggior parte degli utenti non li collegherà ad un DAC esterno o altre sorgenti, vi posso garantire che già collegati ad un iphone e con file di iTunes il suono è sorprendente e meraviglioso , i migliori auricolari da me provati in questa fascia di prezzo senza se e senza ma.

Completano il tutto una qualità costruttiva perfetta e un comodo foderino impermeabile e traspirante marchiato dalla casa. In conclusione, applausi per Shure.

Monster beats Miles Davis: prezzo 215 euro

monstercable_milesdavistrumpet_3_jk

 

Precisazione prima di cominciare a parlare di questi auricolari, il prezzo così alto è dato in gran parte dalla ricercatezza del design, dal cofanetto da collezione con un sacco di extra unici e se esiste anche un valore collezionistico. Detto questo, parliamo degli auricolari.

Bellissimi, costruiti alla perfezione con cavo piatto e dal colore blu elettrico, sono in ear ma mai fastidiosi, vi sembrerà di indossare degli auricolari standard ma invece sarete isolati completamente.

Il corpo principale è stato studiato per riprodurre la forma dello strumento caro a Miles Davis , la tromba. Non si può non rimanere incantati dal design elegante e raffinato con un connubio di colori blu e oro semplicemente spettacolare.

miles-davis-trumpet

Ma parliamo del suono, che rappresenta uno dei punti forti del prodotto. Ha qualcosa di unico non so spiegarvelo,  sono stati progettati per sentire musica classica, jazz o fusion e blues  ma vi assicuro che in qualsiasi occasione non vi deluderanno perché hanno la perfezione sulle frequenze “medie” , una feature difficilmente se non impossibile da trovare su tanti altri prodotti. La sensazione? Quella di trovarsi all’aria aperta e non in un locale chiuso,immaginate di sentire la musica in un campo aperto o in uno spazio infinito. Ecco quella è la magia dei Monster Miles Davis

61rnDe7-IGL._SL1000_

Nel cofanetto troverete poi un cd con brani rimasterizzati in alta definizione, dei manuali e tanto altro, oltre al cofanetto stesso che che dir se ne voglia è sempre un valore aggiunto piuttosto che un’amena scatola di plastica. È un oggetto caro e lussuoso è vero ma meritava di essere recensito. A corredo ben due foderini , il primo impermeabile per portarli in giro e il secondo in velluto con fibia placata oro con la firma di Miles Davis. A livello di suono sono più estremi degli Shure in quanto sia i bassi che la qualità generale è un gradino inferiore però meritano assolutamente l’acquisto se per voi i precedenti sono troppo scomodi da indossare.

miles_davis_earbuds_34905387_Monster_Miles_Davis_Trumpet_34905387_06

In conclusione cari amici io ho preso in esame solo i prodotti che dopo le varie prove ho deciso di tenere con me per molto tempo.

Potremmo passare giornate intere a parlare di Sennheiser, Sony, Beats e tanti tanti altri marchi ma ho preferito darvi la mia impressione d’uso ed emozionale e mi scuso se non ho usato termini tecnici o professionali.

Per molti andranno già bene gli auricolari standard in dotazione al proprio smartphone. Ma se decideste di investire qualcosa in più sapete dove rivolgervi, io vi ho illustrato “solo” quattro scelte che per me rappresentano già un ottimo standard, ma vi invito a cercare anche voi il vostro auricolare perfetto, girando un po nei negozi e provandoli, perché molto spesso pensiamo troppo ad avere il massimo dai nostri display su smartphone e dimentichiamo che ascoltare musica in maniera quasi perfetta dona le stesse emozioni se non superiori.

Buon sound a tutti.

Lascia un commento