Tablet – I "Piccoli" Soffrono

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una forte ascesa dei Tablet rispetto al segmento PC desktop e notebook; eppure qualcosa in questo marcato non sta andando per il verso giusto.

Naturalmente il mercato non è in saturazione, né tanto meno soffre di una perdita; ma quello che si sta avendo negli ultimi mesi è un’inversione di tendenza. Molti produttori hanno puntato sui “piccoli”, Tablet da 7, 8 o 9 pollici molto sottili, leggeri e pratici da portare con se oltre alla variante standard da 10 pollici. Stando alle ultime statistiche che circolano in rete proprio il mercato dei più piccoli ha subito una flessione negli ultimi mesi; i consumatori stanno preferendo le soluzioni da 10 pollici, le quali spesso vengono vendute con una tastiera annessa.

Che i Tablet stiano prendendo il posto dei notebook non è una novità, ma che proprio i “piccoli” subiscano delle perdite è un dato veramente importante. Chi sta subendo perdite maggiori sono i leader del mercato, Samsung ed Apple.

Qui sorge una domanda spontanea: Perché i consumatori prediligono soluzioni con schermi più grandi, sacrificando spazio e portabilità?
Le risposte possono essere molteplici, ma una su tutte è quella che dà spiegazioni esaustive. La possibilità di avere uno schermo più grande, unito ad una tastiera e magari anche ad una connessione dati, permette di poter lavorare in mobilità in una maniera più naturale, rispetto alla soluzione senza tastiera; in più uno schermo maggiore permette di usufruire di contenuti multimediali in una forma più piacevole.

A trarre vantaggio da questa situazione è in primis Microsoft, col suo sistema operativo, e tutti quei produttori che hanno adottato, Asus è stata l’apri fila, soluzioni Tablet più tastiera.

Che il mondo dei Tablet e dei Notebook stia cambiando non ne abbiamo dubbi, ma i veri vincitori saranno i consumatori ed i produttori dovranno reinventarsi sempre più per poter soddisfare le richieste degli utenti in modo da non restare indietro e perdere importanti fette di mercato.

Lascia un commento