Gli azionisti Apple vogliono la testa di Tim Cook

Sono giorni di grande agitazione dalle parti di Cupertino, dove i vari azionisti della Mela morsicata continuano a prendere d’assalto il consiglio di amministrazione nel tentativo di rivedere la posizione del CEO Tim Cook. Probabilmente questa notizia vi sembrerà alquanto “strampalata”, visti anche gli ottimi dati di vendita che da sempre caratterizzano i prodotti Apple (ovviamente con alcune eccezioni). Quando però si parla di realtà così complesse, le vendite sono soltanto uno degli innumerevoli dati che vanno analizzati.

Infatti, se diamo un’occhiata al titolo Apple in borsa ci accorgeremmo che negli ultimi mesi sta subendo un “sali/scendi” senza precedenti, segno evidente che gli investitori hanno sempre meno fiducia nella politica adottata da Tim Cook. Gli ultimi in ordine di tempo sono stati quelli di Global Equities Research, che hanno consegnato una relazione al consiglio di amministrazione nella quale affermano che l’interno eco-sistema della casa di Cupertino ha perso fiducia nei confronti del CEO.

Insomma, la questione è davvero molto complessa, anche perché Cook è stato per anni il braccio destro di Steve Jobs, e per tale ragione gode di non poco credito nei confronti dei fan storici. Di contro, appare evidente che il carattere “innovatore” che da sempre ha caratterizzato Apple si sia un po’ smorzato negli ultimi anni, complici paradossalmente proprie le ottime vendite.

Ma tutto questo può davvero portare a far saltare la testa di Tim Cook? E’ davvero ipotizzabile un cambiamento al vertice? E’ molti difficile poter dare una risposta sensata a queste domande, tanto più che all’orizzonte non si vedono persone degne del genio che è stato Steve Jobs.

La situazione è evidentemente ingarbugliata, e personalmente la seguirò da vicino per darvi notizie fresche il prima possibile. Nel frattempo, discutiamone insieme.

Lascia un commento