Crolla il titolo di Apple in borsa: svolta epocale in vista?

Quando si parla dell’azienda di Cupertino, si sta facendo riferimento ad una realtà stratosferica dal punto di vista economico. Alcuni analisti azzardano nel dire che il patrimonio posseduto dalla Apple è superiore a quello dell’intero Lussemburgo, assestandosi intorno ai 58 miliardi di dollari.

Questa premessa era doverosa per poter affrontare la notizia che ha scosso il panorama economico mondiale, ovvero il crollo in borsa del titolo della “mela morsicata”. Un tonfo di ben 8 punti percentuali, che non ha assolutamente precedenti nella recente storia dell’azienda. E’ chiaro che un patrimonio da 58 miliardi di dollari, non può temere una situazione del genere. Il mondo delle società quotate in borsa però è molto complesso, in quanto bisogna necessariamente dare delle risposte a tutti gli investitori che ripongono fiducia nelle varie aziende. Proprio per tale ragione, la Apple ha cominciato ad interrogarsi sul proprio futuro.

Le vendite natalizie sono state sotto le aspettative, le previsioni statistiche per il futuro sono al ribasso e la concorrenza appare sempre più spietata. Da questo punto di vista, va sottolineata la dichiarazione rilasciata da Tim Cook: “L’iPod è un business in declino da tempo, mentre ci aspettavamo molta più popolarità per l’iPhone 5c”. Una lettura molto cruda da parte del CEO, ma che certifica la volontà dei piani alti di dare una sterzata alla politica aziendale della Apple. In tal senso si è mosso anche uno dei maggiori azionisti, ovvero il magnate Donald Trump, che ha ribadito la necessità di lanciare sul mercato degli iPhone con display più grandi.

Insomma, è in arrivo una svolta epocale? E’ difficile poter rispondere a questa domanda, soprattutto per il fatto che, a partire dalla morte di Steve Jobs, le scelte dell’azienda di Cupertino sono state molto conservative. Appare evidente però che gli investitori hanno bisogno di risposte nuove, di un’azienda che ritorni ad innovare. Per tale ragione, sono convinto che in questo 2014 la Apple saprà stupirci.

Voi cosa ne pensate? Discutiamone insieme.

Lascia un commento