Stati Uniti: allo sviluppo applicazioni per combattere gli automobilisti distratti dal cellulare

Guidare con il celluare in mano o all’orecchio è un fenomeno di maleducazione ormai diffuso in ogni parte del mondo. Distrarsi alla guida con un telefonino può portare al ferimento, o nel peggiore dei casi, alla morte di persone innocenti. Negli Stati Uniti è divenuta una vera e propria piaga sociale, tali persone sono state soprannominate “cell addicted” cioè dipendenti del telefonino.

Nel 2010, negli Stati Uniti, 3.092 persone sono decedute in incidenti causati da distrazioni dovute al cellulare e 416 mila sono rimaste ferite

Il “cell addicted”, secondo una recente ricerca, è un fenomeno molto diffuso sopratutto tra i più giovani. Recentemente, sempre negli USA, un diciotenne è stato condannato a 2 anni di carcere, ed al ritiro della patente per altri 15, per omicidio di un’uomo di 55 anni che viaggiava nella corsia opposta, incidente, secondo i giudici, causato dalla distrazione del giovane mentre era intento a spedire sms alla fidanzata. Sembra però che l’inasprimento delle sanzioni non riesca ad arginare il problema. Anche l’attuale tecnologia per questo tipo di problematica, già presente negli attuali smartphone, tipo comandi vocali e bluetooth, non risulta essere efficace contro questa cattiva abitudine. Si è allora pensato di sviluppare delle applicazioni che fungerebbero da veri e propri lucchetti.

ZoomSafer o CellControl hanno la funzione, una volta avviata l’automobile, di bloccare l’invio di sms, mail e di chattare, grazie ad una connessione wireless fra la centralina della vettura e il telefono del guidatore. Per il momento si tratta di un sistema costoso e che necessita di installazione in officina ma se tale sistema aiutasse a risolvere il problema, e  salvare delle vite innocenti, allora ben venga.

Fonte

Lascia un commento