Recensione Pixel 7

Il miglioramento del miglior Pixel di sempre

Google conferma anche in questa annata il netto cambio di marcia in merito alla produzione di smartphone, affinando e migliorando quello che secondo la nostra redazione è stato il miglior smartphone della precedente stagione, ovvero il Pixel 6.

Il nuovo nato Pixel 7 rappresenta il miglior prodotto attualmente disponibile in commercio considerando prestazioni, features e prezzo. 

Un equilibrio perfetto che mette in difficoltà tutti gli altri produttori, anche più affermati. 

Che Google si sia messa di impegno e stia concentrando le proprie risorse anche sull’hardware era già una considerazione che avevamo notato con il Pixel 6. Ma Pixel 7 va a migliorare le piccole lacune, trascurabili tra l’altro, presenti nella precedente generazione.

PIXEL 7 : Voto 9.0

Pro :

  • Materiali premium
  • Design unico e con carattere
  • Ottima ergonomia
  • Ottimo comparto cam
  • Audio stereo 
  • Android 13 studiato e ottimizzato su di esso
  • Buona autonomia
  • Display bello e luminoso
  • Prezzo altamente competitivo

Contro :

  • Confezione scarna
  • Manca uno zoom ottico
  • Sporadici surriscaldamenti
  • Ricarica lenta

CONFEZIONE DI VENDITA GOOGLE PIXEL 7 : Voto 6.0

Il piccolo box di vendita, in classico stile Google con bianco predominante, contiene solamente lo smartphone, un cavo dati Usb C to C e l’adattatore Usb B to C. 

Nulla più che lo stretto necessario, anzi meno. Tutto ciò è però parzialmente giustificabile dal prezzo di vendita del device, che risulta nettamente inferiore ai competitor con le stesse caratteristiche.

COSTRUZIONE, DESIGN E ERGONOMIA GOOGLE PIXEL 7: Voto 9.0

Prosegue il nuovo corso dei device Pixel, che rispetto alle precedenti versioni ( fino al Pixel 5 ) cambia nettamente passo, diventando qualitativamente di un certo livello anche in termini di materiali e design.

Pixel 7 rappresenta un’affinazione del modello 6, prendendo tutto ciò di buono proposto e andando a migliorare ancora di più il design e l’ergonomia.

Qualitativamente è uno smartphone costruito in modo ineccepibile, con una back cover in Gorilla Glass Victus in un unico colore, interrotta dal fascione in metallo satinato e leggermente sporgente che ha al suo interno il comparto cam ovale composto da due sensori ed il piccolo flash led.

Il frame, che si unisce a quest’ultimo, è anch’esso in metallo satinato e riprende il colore della sezione comparto cam, presentando sulla parte sinistra il carrello nano sim, su quella destra il tasto on/off e il bilanciere volume, in quella superiore il microfono, mentre in quella inferiore lo speaker stereo e la porta Usb Type C.

Nella parte anteriore è presente il display da 6.30 pollici di diagonale, completamente piatto e protetto da Gorilla Glass Victus, interrotto nella parte centrale dalla selife cam. Le cornici sono ridotte e perfettamente simmetriche, proprio come piace a noi, donando un aspetto decisamente premium a tutto il pacchetto.

Pixel 7 è disponibile nelle colorazioni verde vedro ( oggetto della nostra recensione ) nero ossidiana e bianco ghiaccio, che ne rappresentano nel miglior modo possibile l’essenza e il carattere, forte e personale.

Il design riprende quello introdotto con Pixel 6 e caratterizzato dalla fascia posta nella parte superiore della back cover, dove è presente il comparto cam. Un design fortemente Pixel.

Piaccia o non piaccia, è comunque riconoscibile, unico e riconducibile solo ai Pixel. Una considerazione non secondaria in questo mercato che presenta device più o meno tutti tremendamente simili.

Le dimensioni di 155,6×73,2×8,7 mm fanno di Pixel 7 un device che ben si maneggia e utilizza, anche con una sola mano. Oltretutto il peso di 197 grammi, molto ben bilanciato, influisce positivamente sulla sua portabilità, anche per esempio nella tasca dei jeans.

Non è uno smartphone compatto, ma una giusta via di mezzo che può accontentare un’utenza molto ampia, che magari ha esigenze di un device con display fruibile, ma non tollera i così volgarmente definiti padelloni.

Il netto passo avanti introdotto da Pixel 6 si vede ampiamente anche nel nuovo Pixel 7, che pur rimanendo molto simile all’ottimo predecessore, ha subito un processo di miglioramento di assemblaggio e snellimento di tutto il pacchetto, risultando ancora più solido, ergonomico e maneggevole. 

Ricordiamo inoltre che, al pari del predecessore, Pixel 7 gode della certificazione IP68.

DISPLAY GOOGLE PIXEL 7 : Voto 8.0

Pixel 7 è dotato di un display flat da 6.30 pollici di diagonale, tecnologia OLED e risoluzione FHD+, refresh rate fino a 90 Hz, HDR10+, densità 416 ppi e luminosità massima dichiarata di ben 1.300 nit.

Pannello protetto, come detto in precedenza, da Gorilla Glass Victus, la miglior soluzione attualmente disponibile sul mercato.

Un display che riprende ciò che di buono era stato introdotto in Pixel 6, aumentandone però sensibilmente la luminosità, che risultava essere troppo bassa.

Il valore dichiarato da Google è di ben 1.300 nit, un punteggio che nei nostri test non siamo riusciti a raggiungere, avvicinandoci però ai 1000, che risultano comunque ottimi e sopra la media.

Rimane però invariato il refresh rate massimo, che si ferma a 90 Hz, quando molti dei competitor arrivano a 120. È vero, si, che a livello tecnico siamo su un livello inferiore, ma altresì vero che quando si parla di Pixel va analizzato l’intero pacchetto, studiato in simbiosi con il software. Quest’ultimo interviene fortemente e, grazie anche all’aiuto del processore Tensor, riesce a ridurre al minimo la percezione della mancanza di questi 30 Hz. In termini pratici e senza giri di numeri e parole, Pixel 7 ha un display molto fluido che percettibilmente è identico a quelli dotati di refresh a 120 Hz.

Quello che invece balza all’occhio nudo è il livello di luminosità, che finalmente è elevato e paragonabile ai migliori competitor. 

Inoltre contrasto, bilanciamento di bianchi e blu, profondità dei neri e leggibilità sono ai massimi livelli. Un grande balzo in avanti rispetto a Pixel 6.

Presente il classico e ottimo Always on display, già visto e apprezzato in tutti i device Pixel e in generale nei dispositivi dotati di Android stock, oltre che tutte le regolazioni come dimensioni, colori naturali o adattivi, luminosità notturna e tema scuro.

I sensori di prossimità e di luminosità automatica sono rapidi e precisi, in linea con il precedente Pixel. Quello che invece finalmente è molto migliorato è il sensore di impronta digitale, posto al di sotto del display che, seppur non raggiungendo la precisione e la velocità di altri brand ( Oppo su tutti ) è ora usabile e godibile

Inoltre è stato finalmente introdotto lo sblocco con il volto, che mancava dai tempi del Pixel 4. Una possibilità anch’essa ben funzionante, precisa e puntuale.

In definitiva un ottimo pannello, simmetrico, dotato di cornici ridotte, completamente piatto e ben protetto. Non siamo lui livelli qualitativi dei display LTPO, presente in ogni caso sulla versione Pro di Pixel 7, e non abbiamo un refresh rate a 120 Hz, ma in ogni caso tutto è di altissima qualità e perfettamente fruibile, con il valore aggiunto di una ritrovata luminosità degna di un ottimo smartphone, come è Pixel 7.

HARDWARE GOOGLE PIXEL 7 : Voto 8.5

Scheda tecnica Google Pixel 7

  • Dimensioni: 155,6×73,2×8,7 mm
  • Peso: 197 grammi
  • SoC: Google Tensor G2 5G 2.85 GHz(5 nm)
  • GPU : Mali G710 MP7
  • Memoria:
    • RAM: 8 GB LPDDR5X
    • ROM: 128/256 GB UFS 3.1
  • Reti: 5G Dual SIM (Nano Sim+Esim)
  • Connettività:
    • NFC
    • Bluetooth 5.2
    • WiFi a/b/g/n/ac
    • GPS + GLONASS
  • Display: 6,3″  AMOLED FHD+, 90 Hz
  • Fotocamere:
    • Primaria da 50 MP: f/1,9 Ois PDAF Laser AF
    • ultra grandangolare da 12 MP: f/2.2
    • Anteriore: 10,8 MP: f/2,2
  • Batteria:
    • 4.355 mAh
    • Ricarica con cavo a 20 Watt
    • Carica Wireless 20 Watt
    • Ricarica inversa

Google Pixel 7 è dotato del nuovo processore, sempre esclusivo e dedicato, Tensor di seconda generazione, con un clock fino a 2.85 Ghz, 8 Gb di memoria Ram DDR5X e 128/256 Gb di memoria utente UFS 3.1 non espandibile.

Nuova è anche la GPU Mali G710 che va a migliorare le prestazioni grafiche rispetto alla precedente versione presente su Pixel 6.

Ottime prestazioni, da vero top di gamma ed equiparabili a quelle dei nuovi Snapdragon di Qualcomm. Il device risulta sempre pronto e veloce, privo di impuntamenti.

Soffre però, anche se in modo meno marcato rispetto a Pixel 6, di perdite di potenza derivanti da surriscaldamenti, quando viene stressato al massimo. In questo caso, solo per un breve lasso di tempo, Pixel diventa tiepido sulla scocca e viene depotenziato per evitare veri e propri blocchi. Qualcomm è riuscita con l’ultima generazione di Snapdragon a gestire la dissipazione del calore meglio di quanto Google ancora non riesca a fare, ma è giusto ricordare che si tratta solo del secondo processore completamente progettato e realizzato da Big G.

La connettività è completissima e comprende il supporto 5G, E-sim, WiFi 6 e Bluetooth 5.2, GPS Glonass, NFC e USB Type C 3.2. Manca il jack audio da 3.5 mm, ma sono presenti due speaker stereo di ottima qualità che riproducono un audio multimediale pulito e discretamente potente, posizionati uno nella parte inferiore del frame e l’altro nascosto nella parte superiore del display.

Il feedback aptico è semplicemente perfetto, paragonabile solo agli Apple iPhone. Bellissima la sensazione riprodotta dal motorino della vibrazione di seconda generazione, un vero e proprio piacere digitare sul display. 

Un top di gamma in tutto e per tutto, che soffre solo di surriscaldamenti, ma solo quando realmente viene spinto al massimo e solo per pochi minuti. Un compromesso da accettare, vista la bontà generale del device.

FOTOCAMERA GOOGLE PIXEL 7 : Voto 9.0

Fotocamere:

  • Primaria da 50 MP: f/1,9 Ois PDAF Laser AF
  • ultra grandangolare da 12 MP: f/2.2
  • Anteriore: 10,8 MP: f/2,2

Se avessero messo uno zoom ottico almeno 5x si sarebbe raggiunta la perfezione, nel complesso è il “solito” Pixel che non tradisce mai dal punto di vista fotografico, scatti ottimi in ogni condizione di luce, messa a fuoco fulminea, anche nell’ottimo video in 4k 60fps, in cui apprezziamo la fluidità e la sensibilità nei cambi di luce, grandangolo ben calibrato e camera frontale più che buona.

SOFTWARE GOOGLE PIXEL 7 : Voto 10

Google Pixel 7 è, ovviamente, il primo device al mondo, insieme al suo fratello maggiore Pro, a essere dotato dell’ultima versione 13 del OS di Big G.

Pixel è Android, in tutta la sua pura essenza.

Un Os studiato appositamente per questo hardware, che gira perfettamente su di esso. Veloce, fluido e intuitivo come nessun altro, razionale e semplice.

Vi sono inoltre innumerevoli possibilità di personalizzazione, temi, caratteri e sfondi, oltra a widget esclusivi e dedicati. 

Material You è presente ovunque. La nuova veste grafica di Google è in ogni singola sezione e applicazione, con una rinnovata modernità.

Notiamo inoltre la massiccia presenza di intelligenza artificiale, che viene in soccorso nelle traduzioni simultanee, nella funzionalità now playing, nel dialer delle chiamate, nell’applicazione fotocamera e nella galleria, per esempio.

L’unico vero carattere distintivo dell’Os presente nei Pixel 7 rispetto a quello dei predecessori è finalmente la presenza dello sblocco con il viso che, come detto in precedenza, funziona molto bene.

C’è davvero poco da aggiungere, se non ribadire che se si vuole realmente godere dell’esperienza Android non c’è altra opzione che Google Pixel.

AUTONOMIA E RICEZIONE GOOGLE PIXEL 7 : Voto 8.5

Nonostante la batteria sia stata sottodimensionata ed ora è da 4.355 mAh, l’autonomia di Pixel 7 risulta essere superiore a quella del precedente 6.

Una durata della batteria buona che ci permette di coprire un’intera giornata stress, con le giuste accortezze. Pixel non è mai stato un device che fa dell’autonomia un cavallo di battaglia, ma il nuovo 7 riesce comunque a essere accettabile e più duraturo dei predecessori grazie a una perfetta ottimizzazione software, un display leggermente sottodimensionato ed infine un processore meno energivoro. Il tutto senza limitare le prestazioni e la maneggevolezza del dispositivo, che risultano superiori alla precedente generazione di Pixel.

La velocità di ricarica si ferma a 20W e consente un intero ciclo in 100 minuti.

I Pixel non sono mai stati campioni di velocità di ricarica e questo nuovo Pixel 7, seppur leggermente più veloce dei predecessori, lo conferma. Presumiamo, ma non ne siamo sicuri, che Google prediliga la  longevità della vita della batteria rispetto alle prestazioni di ricarica.

La ricezione è di buon livello, superiore a nostro avviso di quella di tutti i precedenti Pixel che, in condizioni difficoltose, arrancavano.

Questo grazie alle antenne esposte, anche se ben nascoste nell’estetica del device, poste nel frame laterale sinistro e destro. 

Il tripudio di Gorilla Glass Victus e di metallo ci aveva fatto temere perdite di segnale che, grazie appunto a un ingegnerizzazione ideale delle antenne, non c’è stato.

PREZZO GOOGLE PIXEL 7

Google Pixel 7 viene proposto in Italia ad un prezzo di :

  • Euro 649 per la versione 8/128 Gb
  • Euro 749 per la versione 8/256 Gb

Un esborso economico adeguato e altamente competitivo rispetto ai device con caratteristiche simili ( e inferiori ) che vengono proposti mediamente a 100 Euro in più.

Brava Google, nonostante un costante aumento dei prezzi delle materie prime, dei costi di produzione e di trasporto è riuscita a mantenere intatta la cifra richiesta per possedere il nuovo modello. Il tutto senza rinunciare a un upgrade hardware e stilistico.

CONSIDERAZIONI FINALI PIXEL 7 : Voto 9.0

Pixel 7 è il device Android migliore attualmente disponibile, rapportato al prezzo proposto.

Un perfetto mix tra qualità, design, prestazioni e prezzo. 

Costruito maniacalmente e con i migliori materiali disponibili, gode di un design forte e personale, di una migliore ergonomia, di un ottimo hardware, di un comparto cam che lo fa competere quasi alla pari con i top camera phone e di un’autonomia che ora è accettabile.

Inoltre migliora sensibilmente il display che, nonostante rimane a 90 Hz, innalza sensibilmente il livello di luminosità che risultava essere troppo basso nel Pixel 6.

Infine il software è la vera essenza di tutto, Google in tutta la sua natura, studiato appositamente per essere ottimizzato in questo hardware.

I competitor non mancano, Samsung, Oppo, Xiaomi e Realme in questo segmento sono molto presenti, così come sta tornando prepotentemente Motorola con i suoi nuovi Edge.

Ma Google Pixel 7 ha dalla sua tante carte vincenti, prezzo, fotocamere e software su tutte, che lo fanno in molti casi preferire.

In questo preciso momento Google Pixel 7 è il device Android per eccellenza, superiore come competitività sul prezzo anche al fratello maggiore Pro che ha si miglior display e fotocamera più completa, ma al netto di un esborso economico nettamente superiore e di dimensioni più impegnative. 

Google si è davvero impegnata e concentrata non solo sulla produzione di software, ma anche di hardware e questo nuovo gioiello e sintetizza al meglio la nuova filosofia.

Lascia un commento