Recensione Realme 10 Pro+

Un best buy che non vedremo

Recentemente Realme ha rinnovato la lineup mid level che tante soddisfazioni ha dato in passato, con i best seller della serie 8 e 9 del produttore cinese.

I nuovi Realme  10 rappresentano per la giovane azienda un pilastro sul quale basare tutta la strategia commerciale, e sono stati curati nei minimi dettagli al fine di proporre device che nelle loro relative categorie di appartenenza possano eccellere e distinguersi.

Purtroppo però il complicato momento socio economico che il vecchio continente sta vivendo si è ripercosso anche nel settore tecnologico, motivo per il quale mai vedremo in Europa il Realme 10 Pro+, modella di punta della serie 10 capace di giocarsela alla pari, se non superare, numerosi competitor della stessa fascia.

Abbiamo però avuto modo di testarlo a fondo, come vedrete in questa recensione completa.

REALME 10 PRO+: Voto 9.0

Pro

  • Design premium
  • Sottile e leggero
  • Assemblaggio
  • Colori attraenti
  • Ottime prestazioni
  • Cam principale di livello
  • Autonomia e velocità di ricarica
  • Audio multimediale
  • Realme UI 4.0 completa e funzionale

Contro

  • Non ha stabilizzazione Ois
  • Nessuna certificazione IP
  • Non viene commercializzato ufficialmente in Europa

CONFEZIONE DI VENDITA REALME 10 PRO+ : Voto 9.0

Il classico cartonato giallo, che tipicamente caratterizza i mid level made in Realme, contiene:

  • Smartphone
  • Carica batterie rapido da 67W
  • Cavo dati Usb Type C
  • Cover in silicone semitrasparente
  • Pellicola protettiva preinstallata
  • Strumento per estrazione carrello nano sim
  • Manualistica

Completa, come sempre, la dotazione di serie fornita da Realme. Ci ripetiamo in ogni recensione, ma va sottolineato che il produttore è uno dei pochi a fornire tutto ciò del quale l’utente finale necessita out of the box, senza ulteriori esborsi economici e perdite di tempo nella ricerca dell’essenziale cover o pellicola protettiva. Inoltre, cosa assolutamente non scontata, notiamo con piacere la presenza di un caricabatterie rapido da ben 67W in grado di sfruttare la tecnologia ricarica rapida del quale il nuovo Realme 10 Pro+ è dotato.

COSTRUZIONE, DESIGN E ERGONOMIA REALME 10 PRO+ : Voto 9.0

Realme 10 Pro+ rappresenta un enorme balzo in avanti rispetto all’ottimo predecessore della serie 9 ( QUI la nostra recensione ) in termini assoluti, ma soprattutto per quanto riguarda la qualità costruttiva e il design.

La casa madre va in controtendenza e risulta una delle poche a proporre un modello sensibilmente superiore a quello che lo ha preceduto, con grande felicità di tutti coloro che potenzialmente sono interessati all’acquisto.

Nonostante i materiali plastici utilizzati, le finiture e la qualità dell’assemblaggio donano una sensazione premium che non ci saremmo aspettati leggendo la sola scheda tecnica del device.

La back cover è curva nei suoi lati, finita con verniciatura opacizzata ed effetti di luce che variano con l’inclinazione della stessa. Ha delle linee pulite ed essenziali e presenta al suo interno il comparto cam principale composto da due cerchi, che sporgono solo di qualche millimetro, oltre che il piccolo flash led posto al loro fianco e il logo Realme.

Il frame, anch’esso in plastica, riprende la colorazione della back cover donando una gradevole sensazione di continuità, è molto sottile e presenta nella parte sinistra il tasto on/off e il bilanciere volume, quella destra pulita e priva di pulsanti, la parte superiore con il primo speaker e un microfono mentre quella inferiore, più affollata, è composta da carrello dual nano sim, porta Usb Type C, un ulteriore microfono e il secondo speaker audio.

La parte frontale invece è composta dall’ampio display curvo da 6.7 pollici, interrotto dalla piccola selfie cam posta nella parte centrale e contenente al suo interno il sensore di impronte digitale.

Le dimensioni crescono quindi rispetto a Realme 9 Pro+ e sono di 161.5×73.9×7.8 mm con un peso di 173 grammi.

Ma grazie a forme curve, peso ridotto e soprattutto uno spessore minimo il nuovo Realme 10 Pro+ risulta particolarmente comodo e gradevole da maneggiare.

Un upgrade quindi sensibile rispetto al suo predecessore, cresce notevolmente la ricercatezza del design, oltre che le dimensioni del display, ma senza penalizzare l’ergonomia e soprattutto donando un aspetto premium di fascia superiore che mai era stato visto in un terminale Realme.

DSIPLAY REALME 10 PRO+ : Voto 9.0

Cosi come per il design e la qualità costruttiva, anche il pannello montato sul nuovo Realme 10 Pro+ è decisamente più tecnologico e qualitativo rispetto al predecessore.

Infatti ora il produttore opta per una soluzione elegante con bordi leggermente curvi che accompagnano le linee del dispositivo, che si concretizzano in un display da ben 6.7 pollici di diagonale con tecnologia AMOLED, risoluzione FHD+, refresh rate fino a 120 Hz, HDR10+, densità a 394 ppi e luminosità massima fino a 800 nit.

La protezione è definita da Realme Double Reinforced, che dovrebbe garantire una certa resistenza a urti e graffi.

Design curvo, primo device Realme a essere dotato di un display di questo genere, perfettamente simmetrico e con la capsula auricolare impercettibilmente nascosta nella parte superiore.

Ma non solo eleganza e bellezza, ma anche una qualità nettamente superiore ai competitor in termini di colori, contrasto, bilanciamento e nitidezza.

Riusciamo a godere del device in tutte le sue angolazioni e con qualsiasi condizione di luminosità, grazie all’elevata qualità del pannello e a tutte le regolazioni messe a disposizione dal produttore nel software.

Da rimarcare la possibilità di settare il refresh rate in modo automatico, a 60 o 120 Hz, oltre che le nuove tecnologie Video Color Boost e Video HDR Boost, che aumentano relativamente gamma di colori e luminosità.

I sensori di prossimità, luminosità automatica e di impronte digitali, ci ripetiamo, sono in perfetto stile Realme: funzionano perfettamente, sono rapidissimi e precisi.

Presente un completo e ampiamente personalizzabile Always On. Personalizzabile sia in forma e contenuti, in grado di notificare qualsiasi applicazione e con la possibilità di modificare animazioni luminose, temi e fingerprint.

Un display che risulta anche fluidissimo, grazie all’elevata frequenza di aggiornamento del quale è dotato.

Gran lavoro quindi da parte di Realme, ottimo e sensibile upgrade come detto in precedenza non solo dal punto di vista stilistico, ma anche e soprattutto da quello della qualità, nettamente sopra la categoria di appartenenza.

HARDWARE REALME 10 PRO+: Voto 8.5

Scheda tecnica Realme 10 Pro+

  • Dimensioni: 161.5×73.9×7.8 mm
  • Peso: 173 grammi
  • SoC: MediaTek Dimensity 1080 5G 2.6 Ghz (6 nm)
  • GPU: Mali-G68 MC4
  • Memoria:
    • RAM: 8/12 GB DDR5X
    • ROM: 128/256 GB UFS 3.1
  • Reti: 5G Dual SIM (Dual Nano Sim)
  • Connettività:
    • NFC
    • Bluetooth 5.2
    • WiFi a/b/g/n/ac
    • GPS + GLONASS
  • Display: 6,7″ AMOLED FHD+, 120 Hz
  • Fotocamere:
    • Primaria da 108 MP f/1,8 Eis PDAF 
    • ultra grandangolare da 8 MP: f/2.2
    • Macro 2 MP f/3.3
    • Anteriore: 16 MP: f/2.5
  • Batteria:
    • 5.000 mAh
    • Ricarica con cavo a 67 Watt

Realme opta per il nuovo processore Mediatek Dimensity 1080 5G con processo produttivo a 6 nanometri e un clock fino a 2.6 Ghz, che rappresenta la naturale evoluzione della versione 920 montata su Realme Pro+ e ne migliora le qualità grafiche.

La GPU è una Mali-G68 MC4 con a disposizione 8/12 Gb di memoria Ram, ampliabile virtualmente via software di ulteriori 8 Gb e 128/256 Gb di memoria Rom, questa purtroppo non espandibile.

Prestazioni del tutto equiparabili a quelle già apprezzate su Realme 9 Pro+, con una fluidità e generale velocità superiore, ma non percepibile a primo impatto.

Realme 10 Pro+ è un dispositivo rapido e pronto in tutte le sue funzionalità, anche più evolute, e non soffre di surriscaldamenti e relativi lag grazie alla oramai famosa camera di dissipazione del calore progettata dal produttore e diventata un vero e proprio vanto per esso.

Le connettività sono quelle che tipicamente troviamo sui moderni smartphone, a partire dal supporto 5G, dual nano sim, GPS Glonass, Wifi 6, Bluetooth 5.2 e NFC. 

Presente un audio stereo potente e di qualità, che viene anche supportato via software con un overboost capace di ampliare la potenza fino al 200%, con una relativa perdita fisiologica di qualità. Ottimo l’effetto surround dovuto dal perfetto posizionamento degli speaker, uno sulla parte superiore e uno su quella inferiore del frame.

Il feedback aptico è di buona qualità, anche se non gode della tecnologia 2.0 che troviamo sui top di gamma. In ogni caso non da la sensazione di ronzio, tipico dei device di fascia bassa, e risulta ben forte e percepibile.

Anche l’hardware quindi, come tutto il resto del pacchetto, subisce un upgrade, ma meno marcato rispetto a altre sezioni.

SOFTWARE REALME 10 PRO+: Voto 9.0

Realme 10 Pro+ è il primo smartphone non Pixel a essere dotato di Android 13 nativo, oltre a essere il primo smartphone della casa cinese a avere la Realme UI 4.0, nuova interfaccia grafica di strettissima derivazione Oppo.

Un ringiovanimento soprattutto grafico e derivante dal tema Aquamorphic che va a influire su animazioni, widget, temi, controlli multimediali e centro notifiche.

Tutte queste sezioni hanno un aspetto nettamente più moderno e funzionale, con inoltre la possibilità di essere personalizzati attraverso l’apposita sezione presente nel software delle impostazioni, dove vengono raggruppate tutte le opzioni di modificare temi, caratteri, sfondi, colori, forme e dimensioni.

Non mancano finestre dinamiche, fluttuanti e scorciatoie, come già presenti in precedenza nella Realme UI 3.0.

Presente la gaming mode e la sezione Realme Lab, che permette di utilizzare, per esempio, il sensore di impronte digitali come misuratore di battito cardiaco, oppure per la misurazione del sonno e della relativa qualità.

Un software che si rinnova nello stile, molto più curato, ma che non perde la propria identità. Una ben precisa personalità, che possiamo trovare in tutti i device Realme, Oppo e Oneplus. 

Non è una UI Google style, che presenta delle sole personalizzazioni del produttore, ma è completamente ridisegnata con applicazioni proprietari. Una delle poche in quest’ottica che comunque rimane sempre rapida, fluida razionale e ben strutturata, senza innumerevoli sottosezioni che confondono i meno affini alla tecnologia.

Ricordiamo inoltre, cosa non da poco, che nonostante la giovane età Realme si è sempre dimostrata rapida e puntuale nel rilasciare aggiornamenti e patch. Un valore aggiunto che non va sottovalutato.

FOTOCAMERA REALME 10 PRO+ : Voto 8.5

Fotocamere:

  • Primaria da 108 MP f/1,8 Eis PDAF 
  • ultra grandangolare da 8 MP: f/2.2
  • Macro 2 MP f/3.3
  • Anteriore: 16 MP: f/2.5

Realme 10 Pro+ è dotato di un’ottima cam da ben 108Mpixel che ci consente di effettuare scatti ben definiti e luminosi in ogni condizioni di luce, molto buoni anche in notturna, bene la grandangolare e la macro, il video in 4k è sempre a fuoco ma poco stabilizzato, questo è l’unico neo che abbiamo trovato nel comparto fotocamera.

AUTONOMIA E RICEZIONE REALME 10 PRO+: Voto 9.0

La batteria integrata non removibile da 5.000 mAh permette di completare ben oltre una giornata stress senza affanni, che possono tranquillamente arrivare a due con un utilizzo meno convulsivo.

Risultato ottimo e derivato da un ampio amperaggio, che ricordiamo essere stato inserito in un device che ha uno spessore inferiore agli 8 mm, a un software maturo e equilibrato e a un processore capace di ponderare perfettamente il consumo energetico.

Inoltre è presente il supporto ricarica rapido da 67W, con tempi di conclusione di un intero ciclo inferiori a 40 minuti.

Come in tutti gli smartphone Realme, chiamare e utilizzare i dati non è un problema, grazie a un comparto ricezione collaudato e al posizionamento delle antenne perfetto. Lo abbiamo testato anche in condizioni limite e con diversi operatori telefonici, senza mai avere particolari criticità.

CONSIDERAZIONI FINALI REALME 10 PRO+: VOTO 9.0

Realme 10 Pro+ rappresenta a nostro avviso l’essenza della casa madre, il vero e proprio motivo per il quale il produttore si è fatto conoscere e apprezzare in questi ultimi anni.

Un rimpianto, quindi, non poterlo vedere ufficialmente, al momento, in Europa.

È uno dei pochissimi smartphone lanciati nella nuova stagione ad aver subito un tangibile update rispetto all’ottimo predecessore, che avrebbe potuto essere valido motivo di spinta verso all’acquisto, anche per i fans dell’azienda che magari già possedevano un modello più datato.

Migliorano notevolmente design, che ora è premium, qualità costruttiva e assemblaggio, display e autonomia.

Il comparto cam è solido e di qualità, con scatti catturati in condizioni ottimali di primo livello, un’ottima modalità notturna e soprattutto video in 4K fluidi, anche se necessitano di una mano molto ferma non avendo supporto di stabilizzazione. Risultano di buona qualità anche gli scatti ultragrandangolari, macro e zoom, anche se non di livello superiore.

Ottimo il comparto audio multimediale, potente e di qualità, ed infine il software, ringiovanito nello stile, completo e razionale, proprio come piace alla nostra redazione.

Ipotizzando il solito ottimo prezzo di vendita che solitamente Realme propone avrebbe potuto essere un vero e proprio best buy, capace di emergere in una fascia di mercato affollata e competitiva che comprende i vari Motorola Edge, Honor 70, Xiaomi Redmi e Poco, oltre che Samsung Serie A e OnePlus.

Ma Realme 10 Pro+ ha delle caratteristiche che lo mettono in posizione dominante rispetto alla maggior parte dei modelli sopra citati risultando, qualora fosse possibile acquistarlo anche alle nostre latitudini, capace di soddisfare un’ampia fascia di utenza, anche esigente.

Lascia un commento