Wiko ha recentemente presentato il proprio modello di punta, la fotocamera del Wim è stata sviluppata in collaborazione con Qualcomm, DxO e Vidhance, ed abbina 2 cam posteriori da 13 Mpixel RGB e Black&White con sensore Sony IMX258 ed un’apertura 2.0, abbinata alla tecnologia l’innova­tiva Qualcomm Clear Sight e l’ottimizzazione firmata DxO, tra le varie opzioni c’è la possibilità di salvare le foto in formato RAW per poterle così vedere in formato nativo e poterle rielaborare a proprio piacimento.

Ma tutti questi “paroloni” troveranno poi riscontro sul campo ? Non del tutto, le nostre prove hanno evidenziato delle difficoltà nelle foto con luce scarsa, maggiori con la doppia cam, e colori troppo saturi nei video, in cui possiamo anche notare una definizione non eccelsa, anche l’autofocus nelle foto da vicino non è ben tarato, il discorso cambia nelle foto con luce ottimale, ben definite e gradevoli da vedere, anche se a mio parere si riscontra anche in questo ambito una saturazione, più lieve rispetto ai video, dei colori.

C’è da lavorare a livello software, le basi ci sono ma, per uno smartphone che fa della cam il punto principale, ci vogliono assolutamente degli aggiornamenti in tempi brevi.

A seguire 2 video, uno in full HD ed uno in 4K a fuoco continuo, entrambi stabilizzati, e qualche scatto in diversi momenti e condizioni di luce, usando sia la cam singola che la doppia.

Buona visione.

 

imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com