Google ha rilasciato la prima developer preview di Android O, disponibile per Nexus 5X, Nexus 6P, Pixel, Pixel XL, Pixel C e Nexus Player. Vediamo quindi quali sono le novità principali.

Android O si focalizza sulle notifiche e l’autonomia, due aspetti che Google vuole ulteriormente affinare.

Autonomia

Si parte da Background limits che limita le attività in background di ogni applicazione consentendo di risparmiare notevolmente la batteria. Per gli sviluppatori sarà ora più facile creare applicazioni con un minimo impatto sull’autonomia.

Notifiche

Per quanto riguarda le notifiche, queste potranno essere raggruppate per tema, tramite quelli che Google chiama “canali“. Ogni app appartiene ad una o più categorie, le cui notifiche possono tutte essere raggruppate assieme, come mostra l’immagine qui sotto. Inoltre, con uno swipe sulla notifica stessa, la potremo posticipare, in modo da farla ricomparire in seguito quando vogliamo.

Icone adattive

Nuove sono le icone adattive che il sistema mostrerà in base a una maschera selezionata per ogni dispositivo. Lo sviluppatore potrà creare icone che si adattano alle principali interfacce, EMUI, MIUI, Grace UX, e il sistema si occuperà di animare le interazioni con le icone in tutti i contesti.

Autofill API

Quest’app immagazzina i dati dell’utente come indirizzi, nomi e password, e questi possono poi essere sfruttati da altre app senza che l’utente stesso li debba reinserire, previa autenticazione, tramite nuove API che implementino questo servizio.

PIP per smartphone e tablet

Picture in Picture (PIP) è disponibile per smartphone e tablet. Potete continuare a guardare un video YouTube, ad esempio, mentre state chattando con un’altra app. L’utente può specificare l’aspetto ed una serie di interazioni con la finestra PIP.

Font resources in XML

Le app posono usare font in layout XML e definire famiglie di font, sempre in in XML, dichiarando lo stile ed il peso del font.

Audio e connettività

Android O supporta i codec audio Bluetooth ad alta qualità, come LDAC e, con ogni probabilità, anche lo streaming aptX Bluetooth. Grazie a Wi-Fi Aware i dispositivi con un hardware adeguato potranno cercare e comunicare tramite WiFi senza necessità di passare attraverso un access point. Con le nuove API ConnectionService le applicazioni Telefono di terze parti potranno essere maggiormente integrate con l’interfaccia di sistema e offrire diversi controlli a seconda del contesto.

AAudio è inoltre una nuova API nativa progetta per app che richiedano audio a bassa latenza ed elevate performance.

Navigazione da tastiera

Android O cercherà di migliorare quindi il comportamento di “frecce” e “tab” presenti su tablet e mini PC, permettendo ora di utilizzare il tastierino numerico e il tasto tabulazione in maniera più intuitiva.

Miglioramenti per WebView

In Android O viene abilitata la modalità multi-processo di default e aggiunta una API per gestire errori e crash, per migliorare sicurezza e stabilità. Le URL possono inoltre essere verificate tramite Google Safe Browsing.

Wide-gamut color per le app

Le app posono sfruttare dispositivi con un display dall’ampia gamma cromatica (AdobeRGB, Pro Photo RGB, DCI-P3, ecc.)

Ottimizzazioni per Java 8 e di runtime 

Android O supporta nuove API Java, ed inoltre Android Runtime è più veloce che mai, con miglioramenti anche del doppio in alcuni benchmark delle applicazioni.

System UI Tuner

Con Android O Google ha aggiunto la possibilità di personalizzare la barra di navigazione, grazie a una serie di parametri presenti in System UI Tuner.  Potrete aggiungere pulsanti a destra e a sinistra e modificarne l’aspetto e le funzioni.

Il System UI Tuner include anche un menù per personalizzare le scorciatoie presenti nella schermata di blocco, permettendovi di aggiungere due scorciatoie oltre alla fotocamera e al telefono.

Sarà possibile applicare dei temi al pannello delle notifiche e dei toggle, anche se per il momento è possibile utilizzare la colorazione standard e una colorazione inversa.

Download Android O

L’installazione è possibile solo tramite factory image, perché questa prima release è una alpha pensata per sviluppatori. In totale ci saranno  quattro developer preview, prima del rilascio finale entro fine estate.

Vi lasciamo al download anche il primo sfondo ufficiale estratto dalla prima developer preview.

Wallpaper Android O




Load More Related Articles
Load More By Giuseppe La Terza
Load More In Android

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Meizu M5X con Helio P10 passa su Antutu

Meizu presenterà a breve un nuovo smartphone, il Meizu M5X. Le prime indiscrezioni riguard…